Mangiabiologico.it

di Valeria Ballarati

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Animali Il tuo grado di attenzione alle formiche

Il tuo grado di attenzione alle formiche

E-mail Stampa PDF

Cosa fai quando incontri una formica sul piano della cucina? E quando c'é un ragno, una vespa, lombrichi, larve o centopiedi?

Sulle prime domande prive di senso potrebbero piuttosto nascondere significati interessanti. Quanti di noi uccidono un insetto piccolo senza pensarci e quanti lo spostano in un luogo sicuro, dove potrà continuare a vivere?

Uccidere le formiche è facilissimo, sono così piccole … un colpo di spugna, un’apertura improvvisa dell'acqua del rubinetto e sono finite. Spacciate. Lo stesso é per ragni e ragnatele. L'animaletto fa così tanto per procurarsi il  luogo dove soggiornare e procacciarsi il cibo e con un gesto di scovolino distruggiamo ore di lavoro, casa e dispensa.


Queste considerazioni base nascono dall’osservazione del tragitto che una formica compiva faticosamente giorni addietro sul piano della mia cucina. Trasportava un’enorme – per lei enorme - mollica di pane su è giù per la via che portava ad una minuscola apertura tra lavello e finestra. Vedendola mi sono incuriosita e l'ho seguita per un pezzetto della sua avventura. Sono buffe le formiche. Sono forzute. E simpatiche! Nell’incontrarsi (quasi per un avvenimento fortuito) si salutano sfregandosi il naso l’un l’altra, come eschimesi frettolosi. Il mondo minuscolo é singolare.

Tra meno di un mese é primavera.

Odio questo periodo dell’anno, é il momento della riorganizzazione dell’orto primaverile.

Vangare, fresare, distribuire il compost per preparare il terreno alle nuove messe a dimora equivale a compiere il destino di alcune centinaia di esseri che sino a li avevano vissuto tranquillamente la loro vita. Lo so, é così, ma non riesco ad abituarmi. 

Chiunque abbia un orto è consapevole della inesorabile strage che si compie quasi quotidianamente nella raccolta e pulitura degli ortaggi. Mangiare verdura dell'orto corrisponde quasi sempre ad uccidere qualche malcapitato, nonostante tutte le accortezze. Lame ed acqua non vanno d'accordo con gli esseri piccoli.
Quando mi capita mi sento male.  Mentre l’esserino è li agonizzante trovo la forza di mettere fine alle sue sofferenze, ma quando lo seppellisco e dico una preghiera è terrificante pensare che è dipeso da me. E' un senso di colpa vecchio come il mondo e non mi conforta per niente pensare che è stato inevitabile, che non l'ho fatto neanche apposta, e nemmeno è d’aiuto pensare che (forse) in quel momento ero solo uno strumento, un mezzo attraverso il quale il destino di quell’essere si compiva. Sono alla ricerca di un’altra spiegazione, che ancora non trovo.  
Se la trovassi sarebbe di grandissima consolazione.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna



Parole per pensare

"Pensate ancora una volta alla gioia che ciò porta a chiunque voglia poter fare qualcosa per coloro che sono malati. Questo dà loro il potere di essere guaritori fra i propri simili."

- Dr. Edward Bach, 1936

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

Fiori di Bach e Cartoni Animati 2

CENTAURY

per le persone molto gentili

dei quali altri possono approfittare