Mangiabiologico.it

di Valeria Ballarati

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Anti Mafia Festa di Libera

Festa di Libera

E-mail Stampa PDF

  

“L’ostacolo è il sentiero” è un proverbio zen. 

E' con questo spirito creativo e incoraggiante che il 9, 10 e 11 agosto 2013 in piazza Sant’Anna a Nettuno (località Cretarossa) avrà inizio il percorso intrapreso da LIBERA presidio di Anzio e Nettuno "Don Cesare Boschin" con Associazione Pontum, Associazione Alzaia, Libera Gaza in Libera Palestina, Legambiente, AGESCI gruppo Nettuno 1 e Comitato Acqua Pubblica di Anzio e Nettuno.

E quale migliore inaugurazione di una festa?
Dibattiti, Musica, Parkour e Danze perché una mente sana e libera trova spazio solo in un corpo libero e sano…
Costanza, impegno e responsabilità le spinte che ci hanno portato alla realizzazione di queste giornate che attraverso la partecipazione di tutti quanti vogliano unirsi a noi speriamo di alimentare e moltiplicare!

In un territorio poco vissuto e poco vivibile, in quello che sembra sempre di più un circolo vizioso, si ricomincia dai luoghi e dai temi di interesse pubblico e civile: un piazza, le donne, la cittadinanza in una società di migranti, le risorse ogni giorno rese meno accessibili.

Vi alleghiamo la locandina con il programma dettagliato e vi aspettiamo numerosi!

 

Libera presidio "don Cesare Boschin" Anzio Nettuno.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna



Parole per pensare

Anton Egò:
Non ricordol'ultima volta
che ho chiesto di porgere i miei complimenti allo Chef;
e ora mi trovo nella straordinaria circostanza
che il mio cameriere ...
é il mio Chef!

Linguini:
Grazie ma questa sera sono solo il suo cameriere.

Egò:
Allora chi ringrazio per la cena?


«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

Fiori di Bach e Cartoni Animati 8


LARCH

Quando non credi abbastanza

nelle tue possibilità