Mangiabiologico.it

di Valeria Ballarati

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Donne La Comunità ESSURE Italia

La Comunità ESSURE Italia

E-mail Stampa PDF

Qualche tempo fa alcune Donne del gruppo Essure Italia mi hanno chiesto di introdurre i Fiori di Bach sulla loro pagina Facebook.

Avevo fatto una consulenza a una di loro, si era trovata bene, ne aveva parlato alle altre e insieme avevano deciso di far conoscere questo sistema ad altre donne.

Ho accettato: qui sotto trovate il testo pubblicato.
Essure é un controverso dispositivo medico anticoncezionale Bayer che si é rivelato problematico, ha causato gravi danni alle donne, sino anche a provocarne la sterilità e menomazioni. La loro pagina ne é la testimonianza. E' stato ritirato in alcuni Paesi ma purtroppo continua a causare problemi di salute a chi l'ha tutt'ora impiantato, senza che le donne lo sappiano, o arrivino a capire che è quella la causa dei loro problemi.
La pagina di Essure Problemi nasce dalle vittime italiane (é collegata alle altre pagine Essure straniere) per diffondere conoscenza e metodi di rimozione sicuri, dato che in Italia non c'é ancora un protocollo e le rimozioni sbagliate possono causare altri danni.



Alcune donne della pagina FB Essure pensavano fosse una buona idea parlare dei Fiori di Bach alla Comunità Essure Italia, e mi hanno invitato a scrivere due parole per presentarveli. Sono un Consulente di Fiori di Bach della Dr. Edward Bach Foundation inglese, mi chiamo Valeria, abito ad Anzio (Roma) e ho 52 anni.

I Rimedi scoperti dal Dottor Bach possono essere d’aiuto nel modificare gli stati emozionali negativi seguiti alla problematica con il dispositivo Essure. Possono certamente aiutarvi a superare i momenti di delusione, scoraggiamento, rabbia, ingiustizia - e ogni altra emozione forte di cui vi sentite preda - di modo che possiate tornare in equilibrio, riacquistare la vostra innata vitalità, e affrontare così meglio le cure, le rimozioni e gli eventuali momenti di sconforto.

I Fiori di Bach nascono all’inizio del secolo scorso.

Il Dr. Bach è un noto e rispettato patologo e batteriologo londinese, fa grandi studi sulla flora batterica intestinale mettendo a punto dei Nosodi batterici – vaccini omeopatici orali – per la cura delle malattie ritenute croniche. Questi suoi studi però, nonostante i successi ottenuti, non lo soddisfano e a un certo punto si rende conto di dover proseguire in un’altra direzione. Attraverso l’osservazione ha notato che, a parità di malattia e di trattamento sanitario, le persone che mantengono un atteggiamento positivo guariscono più velocemente di chi si butta giù o magari conserva un atteggiamento di tipo negativo. Comincia a pensare che le emozioni giochino una grossa parte nel mantenimento della Salute di un individuo ma non ha ancora idea di cosa dovrà cercare o dove.

Per questa sua grande passione per la Natura, che ha sin da bambino, e pensando che l’uomo si affida con fiducia alla Natura per ogni sua necessità di vita – fuoco, terra, aria, acqua – ritiene che la guarigione non possa essere stata tralasciata, e decide di incominciare da lì: dalla Natura. Cercava tra i fiori e le piante rimedi dolci, che non causassero reazioni forti, convinto che la guarigione dovesse anche essere indolore.

Dopo molti mesi di ricerche trova i primi tre rimedi, li testa sulle persone a seconda del loro carattere e trova una corrispondenza con la sua teoria. Da quell’anno in poi abbandona la medicina tradizionale e si dedica alla ricerca degli altri rimedi mancanti, come quelli che usava già con successo.

Nel giro di pochi anni scopre il metodo e oggi i fiori sono 38: comprendono tutte le emozioni del genere umano. Una volta o l’altra tutti noi siamo passati attraverso ognuna di quelle emozioni.

Il proprio mix personale di Fiori di Bach si sceglie sempre oggi per ciò che succede oggi (non ieri, non domani). Sono rimedi molto semplici ma molto potenti - contengono le 4 forze più potenti in Natura, di cui anche noi siamo fatti - e se ben scelti sono in grado di riequilibrare un’emozione negativa ricordandoci che di quell’emozione possediamo anche il lato positivo. Abbiamo in noi entrambi i lati e il fiore non fa altro che potenziare il lato positivo dell’emozione negativa vissuta, di modo che si sostituisca e si evidenzi, riportandoci così in equilibrio. Sono rimedi in gocce facili da usare, se ne prendono 4 gocce alla volta: si tratta solo di analizzare quel che capita, identificare l’emozione in gioco e associare il rimedio corrispondente. Possiamo mettere sino a 7 rimedi diversi in un flacone da 30 ml con pipetta contagocce.

Creò il sistema perché le persone potessero utilizzarlo in tutta sicurezza e da soli: non voleva che la guarigione dovesse dipendere da altri, pensava che ognuno dovesse sapere come mantenersi in Salute, e voleva insegnarlo alle persone. Per questo fu molto osteggiato, soprattutto dalla classe medica ortodossa, e L’Ordine arrivò anche a minacciarlo di radiazione, ma poi non lo fece.

Spero con questa piccola presentazione di essere stata utile, e spero tanto che utilizzerete i fiori nella vostra vita. Anzi, ditelo anche ad ogni persona che pensate ne abbia bisogno. Sono a disposizione per maggiori informazioni, e allego qualche link ad articoli che potete leggere per capirne di più, qualora riteniate l’argomento interessante. V’invito anche a consultare i siti istituzionali indicati, per trovare altre informazioni e controllare chi è il consulente più vicino a voi: siamo più di 350 consulenti BFRP in Italia.

Un grosso abbraccio, forza donne, in alto i cuori.

Valeria Ballarati, Bfrp

(Bfrp – Bach Foundation Registered Practitioner)

www.bachcentre.it www.bachcentre.com

www.bachitalia.it


https://www.facebook.com/EssureItalia/

https://www.letteradonna.it/it/articoli/corpo-e-mente/2019/02/11/essure-contraccettivo-effetti-collaterali/27618/

https://ilsalvagente.it/2017/07/17/francia-class-action-contro-bayer-per-il-contraccettivo-essure/






 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna



Parole per pensare

Anton Egò:
Non ricordol'ultima volta
che ho chiesto di porgere i miei complimenti allo Chef;
e ora mi trovo nella straordinaria circostanza
che il mio cameriere ...
é il mio Chef!

Linguini:
Grazie ma questa sera sono solo il suo cameriere.

Egò:
Allora chi ringrazio per la cena?


«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

Fiori di Bach e Cartoni Animati



Water Violet

Per chi desidera stare solo

ed é talvolta orgoglioso