Mangiabiologico.it

di Valeria Ballarati

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Linda

E-mail Stampa PDF

Una bambina e il suo papà entrano in negozio. Mentre lui fa la spesa lei osserva me e la Neri; d'un tratto ha voglia di parlare, è una bambina molto serena, aperta e iniziamo subito a fare due chiacchiere.

 

I Fiori di Bach Originali

E-mail Stampa PDF

"La salute dipende dall'essere in armonia con la propria anima". Dr Edward Bach

Il metodo di cura naturale e dolce del Dr. Edward Bach si basa sul presupposto che l'atteggiamento mentale ricopre un ruolo fondamentale nel mantenimento di uno stato armonico tra corpo e psiche. Molti di noi affrontano periodi di affaticamento e di pressione ed é allora che la negatività, l'irritabilità e la chiusura in sé stessi prendono il sopravvento. In questi momenti, prima della comparsa di sintomi fisici, i Rimedi diventano un aiuto prezioso per ristabilire l'equilibrio. L'effetto non é quello di sopprimere gli atteggiamenti negativi, ma piuttosto di trasformarli in atteggiamenti positivi, attivando il proprio potenziale di auto-guarigione, facendo ritrovare una buona salute emotiva e mantenendo sano il corpo in modo armonioso.

 

Settimana Mondiale Vegetariana

E-mail Stampa PDF

Da una intervista di Silvia Gambi a Tiziano Terzani

AAM Terranuova, 2002.

 

" Lei é vegetariano, perché questa scelta? "

E' una scelta personale, un po' per osmosi, visto che vivo in India. Mi sembra una scelta possibile, che indica qualcosa.

Basta pensare all'orrore che noi di questo mondo infliggiamo agli animali. Scegliamo un paio di animali, i chiamiamo amici solo perchè sanno fare la cacca al posto giusto: un gatto, un cane o un cavallo. E a questi diamo le vitamine, comperiamo il cappottino per l'inverno. Qui in Italia hanno addirittura il certificato sanitario.

 

E sono quattro

E-mail Stampa PDF

Ciao Lorenzo.

Sei nel nostro cuore.

Papà, Mamma e Angelica

 

 

 

 

 

A volte le cose cambiano

E-mail Stampa PDF

Lo scorso anno avevo scritto a tutti ma non era servito, almeno così pensavo.
Angelica cominciava ad andare a scuola e sarebbe rimasta a pranzo alla mensa scolastica il martedì e il giovedì. Nel modulo per l’erogazione del Menù Differenziato c’erano solo due opzioni possibili: Portatore di patologia (allergia/intolleranza) per la quale vi era l’obbligo di presentare la documentazione medica,  oppure Credo Religioso, indicando di quale credo si trattasse. Lei rientrava nella prima, essendo intollerante al grano e al latte, ma era anche VEGETARIANA, cosa del tutto non prevista.

 

 

Allenati per la guerra

E-mail Stampa PDF

Qualche giorno fa Repubblica dava la notizia di una iniziativa riservata ai ragazzi delle scuole superiori della Lombardia.
Il progetto, partito nel dicembre del 2006 con il nome di “La Pace si fa a scuola” e oggi è di nuovo al via, ribattezzato“Allenati per la Vita”  ma completamente stravolto nel suo significato e nei suoi contenuti originari:  mentre il primo era un momento di discussione e di confronto sui temi della pace e della cooperazione, e metteva gli studenti in contatto coi soldati in missione all’estero, quest’altro dovrebbe incoraggiare al senso di appartenenza ad un gruppo senonché l’allenamento consiste nel familiarizzare con argomenti e cultura di tipo prettamente militare. Niente male per un progetto scolastico, no?

 

Resoconto della Manifestazione

E-mail Stampa PDF

Un bel sole splendeva sabato sulla capitale, anche il tempo ci ha dato una giornata di tregua dalla pioggia e si è aperto per lasciare alla Manifestazione contro la vivisezione il suo degno spazio.
C’é stata una grande partecipazione, gente venuta da tutta Italia per gridare insieme gli slogan che ho ancora in testa: dovevate esserci per sentire la carica e l’energia che sviluppa un movimento che tende alla giustizia. Vale la pena prendersi l’impegno e venire a manifestare per i diritti degli animali: incoraggia all’unità del movimento, degli intenti e dei pensieri, dando voce, forza e vitalità alla causa stessa. 

 

Nerina

E-mail Stampa PDF

Se venite a fare la spesa nel mio negozio è certo che incontrerete questo simpatico cagnolino: è “la Neri”, si chiama Nerina e vive con noi da circa dieci anni. I clienti abituali la conoscono già, alcuni ci salutano entrambe all’arrivo e altri le portano anche i biscottini; lei, riconoscendoli, gli scodinzola intorno finché non glieli danno. Ho raccontato spesso la sua storia a chi mi chiedeva, incuriosito nel vederla attendere seduta sul marciapiede fuori dal negozio, anche quando è chiuso.

 

Amici, Ciambelle di salvataggio

E-mail Stampa PDF

Oggi per tutti voi una canzone: This is the life (Questa é la vita).

Me l'ha mandata la mia amica Ornella, l'altra sera, perché dice che a lei la mette di buon umore.

Io invece stavo 'na schifezza, con la "sc" pronunciata alla napoletana ...

 

Quando leggo un libro

E-mail Stampa PDF

Che bello avere un po’di tempo per sé.
Noi madri abbiamo sempre molti impegni e così tante cose da fare, gestire, organizzare! Quando capita una mezza giornata disponibile … non sembra vera.
Questa mattina ad esempio ho aiutato Angi a fare i compiti che aveva dimenticato di fare ieri (colpa mia, dovevo guardare meglio il diario) ho fatto colazione, visto mezz’ora di “La Storia siamo noi”, sistemato qua e là, rifatto i letti, i piatti, un altro bel caffè e poi mi son seduta.

 


Pagina 106 di 109


Parole per pensare

Anton Egò:
Non ricordol'ultima volta
che ho chiesto di porgere i miei complimenti allo Chef;
e ora mi trovo nella straordinaria circostanza
che il mio cameriere ...
é il mio Chef!

Linguini:
Grazie ma questa sera sono solo il suo cameriere.

Egò:
Allora chi ringrazio per la cena?


«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

Fiori di Bach e Cartoni Animati 8


LARCH

Quando non credi abbastanza

nelle tue possibilità