Mangiabiologico.it

di Valeria Ballarati

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Pubblicità La pubblicità natalizia della Chiesa

La pubblicità natalizia della Chiesa

E-mail Stampa PDF

 

.

 

Lo slogan:

"Fai un regalo a un sacerdote, aiuta chi ha bisogno".

Ricevo questa pubblicità direttamente nella mia casella di posta elettronica.

Si, in effetti un sacerdote ce l'avevo in mente.
Volevo fare un regalo a Don Verzé, che ne ha tanto bisogno!

Anzi … perché non lo facciamo tutti insieme?

Se facciamo tutti un bel regalo di Natale a Don Luigi Verzé sono sicura che il disastro economico del San Raffaele non sarà più un problema.

E così le migliaia di dipendenti non rischierebbero più di perdere il posto di lavoro a causa della voragine finanziaria che non hanno contribuito a creare …

E’ una bella idea!  O forse no …

Far pagare a tutti  i debiti creati da altri di questi tempi non é un'idea originale.

Stamattina in posta davanti a me c’era una signora anziana, pensionata, con un dignitoso cappottino marrone. Borsetta al braccio, capelli grigi non freschi di messa in piega ma in ordine, si avvicina allo sportello e chiede un po' incredula:
“Ma è vero che  i mille euro non me li puoi più dà?”
L’impiegata: “Si, è vero”
(silenzio di delusione e sconforto)
L’anziana:  “Ah” e se ne va.

Buon Natale Don Verzé.

Buon Natale Governo Monti.

 

p.s. proprio non riesco a dimenticare che il 20% del patrimonio immobiliare italiano é di proprietà della chiesa e che solo il Tesoro di San Gennaro é più ricco di quello della Corona d'Inghilterra.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna



Parole per pensare

Sono ciò che penso: le mie idee creano la mia identità.

(Cit.)

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf