Mangiabiologico.it

di Valeria Ballarati

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Ricetta del mese
Ricette del mese

Farfalle con l'ortica

E-mail Stampa PDF

una manciata di cime di ortica

1/2 etto di burro di soya

1 spicchio d'aglio

un pizzico di pangrattato

 

Fai sciogliere il burro con il pangrattato in una padella e in un'altra fai saltare le cime di ortica con un po' di burro e aglio.

Cuoci intanto le farfalle in abbondante acqua salata.

Dopo averle scolate falle saltare nel burro e pangrattato e infine aggiungi le ortiche.

 

Fritteline di Fiori di Robinia

E-mail Stampa PDF

una manciata di fiori di robinia

olio per friggere

zucchero vanigliato

per la pastella:

120 gr di farina 0

1 cucchiaio di anice

2 cucchiai d'olio

un pizzico di sale

 

Sciogli la farina con l'acqua tiepida e aggiungi il liquore, l'olio e il sale.

Lavora bene la pastella affinché sia ben amalgamata e fai in modo che non sia né troppo dura né troppo liquida.

Lasciala riposare per un po' .

Tuffa i fiori di robinia nel composto e passali all'olio caldissimo. Scola su carta assorbente e ricopri con lo zucchero.

 

Fragoline al Basilico

E-mail Stampa PDF

Fragoline di Bosco con qualche fogliolina

zucchero di canna

vino bianco

basilico tritato

 

Condisci le fragoline con vino bianco, poco zucchero e una bella manciata di basilico tritato. Lascia riposare almeno mezz'ora e servile in coppa con le loro foglioline. Spesso io uso le foglioline di fragoline selvatiche anche nelle insalate.

 

Crocchette di Amaranto

E-mail Stampa PDF

Ingredienti:

Chicchi di Amaranto

vedure cotte a piacere

patate lesse

fagioli lessati

una cipolla e aglio

 

Mescolare all'amaranto già cotto secondo la ricetta base* le verdure, fagioli, patate, aggiungere una cipolla tritata finemente e aglio a piacere. Prendere un poco di questo preparato tra le mani, stringendo bene, e dando la forma di una crocchetta lunga o piatta. Ungere una padella con poco olio d'oliva, mettere le crocchette, coprire con un coperchio e lasciar cuocere per 10 minuti a fiamma bassa, sino a che non sono dorate da entrambi i lati. 

* Ricetta Base

Lavare l'amaranto e cuocerlo in 3 parti di acqua per una parte di chicchi aggiungendo un cucchiaino di sale. Impiega 25 minuti in pentola a pressione e 35 in pentola normale. Non mescolare e lasciare riposare 5 minuti dopo la cottura.

 

Guacamole

E-mail Stampa PDF

Ingredienti:

mezzo avocado
il succo di mezzo lime
1 peperoncino
1 cipollina
sale
pepe

 

Preparazione: pulite l’avocado e tagliatelo a tocchetti, sbucciate e tagliate a pezzetti la cipollina. Mettete tutti gli ingredienti nel mortaio (tenendo da parte un po’ di succo di lime) e pestateli insieme per amalgamarli fino a quando non avrete raggiunto una consistenza cremosa e l’avocado sia disfatto quasi completamente. Aggiungete il succo di lime restante e servite.

Note: le dosi sono per un antipasto per due persone (per accompagnare le tortilla chips).
Questa salsa si può utilizzare in molti modi, il più classico è quello di pescarla dalla sua ciotola con le tortilla chips.
Esistono moltissime ricette per il guacamole, la ricetta base non prevede la cipolla (io ne ho messa pochissima), alcune prevedono anche il pomodoro, l’aglio e altro ancora. Io ho cercato di fare una salsa saporita ma, al tempo stesso, semplice.
Sarebbe meglio preparare questa salsa utilizzando il mortaio, infatti il metodo tradizionale di preparazione del guacamole comporta l’uso del molcajete (mortaio e pestello tipici messicani) per schiacciare e mischiare gli ingredienti. Se non avete il molcajete e neanche un altro mortaio utilizzate piuttosto la forchetta per schiacciare l’avocado che deve essere bello maturo (con quella consistenza un po’ “burrosa”); il frullatore rischia di alterarne il sapore.
Il lime serve per evitare che l’avocado si ossidi e si inscurisca; se non lo avete potete sostituirlo con del succo di limone. Io sono stato così veloce a finirlo che il problema dell’ossidazione non si è posto.
Su Wikipedia ho trovato anche l’origine del nome: il termine guacamole deriva dallo spagnolo messicano via Nahuatl: AhuacamOlli, da Ahuacatl (=”avocado”) + molli (=”salsa”).

 http://www.veganblog.it/2009/09/02/guacamole-2/

 


Pagina 5 di 6

Romanzo

La storia dell'uomo e
della scoperta
dei Fiori di Bach.

Booktrailer



Fiori di Bach e Cartoni 21 Gobbo

CRAB APPLE

Per accettarsi maggiormente nell'aspetto fisico

o per un bisogno di pulizia interiore