Mangiabiologico.it

di Valeria Ballarati

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Cultura Abbiamo due mamme

Abbiamo due mamme

E-mail Stampa PDF

Papà,  il mio compagno di classe ha una sorella e ben due mamme! E il papà, un avvocato milanese,  commenta:  “Mia figlia, 5 anni,  me l’ha detto con malcelata invidia. I bambini sono più pronti di noi adulti a un mondo nuovo”. La riflessione è  pubblicata oggi sul Corriere di Milano nel servizio “C’era una volta la famiglia arcobaleno” dove si parla di una neonata casa editrice, Lo Stampatello, che pubblica libri di fiabe per figli di famiglie atipiche, che saranno presentati al Salone del Libro di Torino. 

La realtà corre più veloce del dibattito giuridico, e in Italia i figli di genitori omosessuali  sono 100mila,  secondo una ricerca Arcigay e Istituto Superiore di Sanità che risale ormai al 2005.  Ci sono anche i figli nati da mamme etero che hanno scelto il donatore di seme, e minori che vivono in  famiglie atipiche. Questi  bambini, come tutti, hanno il  bisogno e il diritto di vedere rappresentato il loro universo affettivo nei libri e in questo senso la cultura fa la sua parte per costruire il “mondo nuovo” di cui parlava quel papà. Che aggiunge:

Entrare in contatto con famiglie “diversamente felici” mette a dura prova qualunque perplessità

Il cinema  ha provato a rappresentare le famiglie arcobaleno. Eppure secondo Paolo Mereghetti, sempre sul Corriere di oggi:  “Bisogna aspettare “I ragazzi stanno bene” perché il tema di una coppia lesbica con figli sia raccontato cancellando ogni prurito e ogni scandalo”.
Ma se le scelte degli adulti possono dare scandalo, i bambini  fanno parte della nostra vita e basta, e sempre di più. Nella nostra società, scrive Silvia Vegetti Finzi: “Convivono bambini con storie e culture lontane, con costrutti familiari inconfrontabili, con abilità fisiche e psichiche particolari, per cui la domanda “diversi da chi? “ appare superata. L’importante è che ciascuno dia senso alla propria vita, riconoscendola come l’esito di una storia che lo precede, lo accompagna, e lo prosegue”.  Ma l’atteggiamento di un’altra mamma -  che non metteva in dubbio la relazione e il rispetto tra i bambini – ,  merita attenzione: “Quando mio figlio mi ha parlato del suo compagno con due mamme, sono rimasta spiazzata. E adesso cosa gli dico? Alla fine ho scelto di dirgli che si tratta di un’eccezione. E cerco di sostenere con lui i miei valori tradizionali”.
E voi cosa avreste fatto? Basta  dire a un bambino: “Ognuno è libero”, oppure “Non sono d’accordo” ?

Fonte

Commento: Spesso sono gli adulti con le loro difficoltà a creare ulteriori difficoltà (vedi la mamma "sono rimasta spiazzata"). I bambini invece vedono e accettano le cose per quel che sono, senza giudicarle.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna



Parole per pensare

"Pensate ancora una volta alla gioia che ciò porta a chiunque voglia poter fare qualcosa per coloro che sono malati. Questo dà loro il potere di essere guaritori fra i propri simili."

- Dr. Edward Bach, 1936

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

«Quanto siamo stanche io e te. Dovremmo riposarci un po’» dice Donatella a Beatrice mentre il Valium fa effetto sul lungomare di Viareggio all’imbrunire, è un dialogo che ti rimane dentro, come tutta La pazza gioia.

- See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/la-pazza-gioia-paolo-virzi.html#sthash.F3ffjhMI.dpuf

Fiori di Bach e Cartoni Animati 2

CENTAURY

per le persone molto gentili

dei quali altri possono approfittare